giovedì 10 gennaio 2013

Gli apocalittici, recensione e streaming



L'episodio 2 della prima serie, I Profeti dell'Apocalisse, è disponibile su youtube grazie a panthersgs
Approfittatene finchè non lo fanno rimuovere per violazione dei diritti d'autore.


Riassunto rapido

I protagonisti di questo episodio sono 4:

David: Un uomo la cui obesità gli sta seriamente compromettendo la salute, si sta preparando all'apocalisse elettronica conseguente ad un possibile impulso elettromagnetico (uno scenario alla Revolution). Non esattamente un fulgido esempio di lungimiranza.
Ha persino un canale youtube in cui spiega come si sta preparando (per lo meno la sua conoscenza verrà diffusa)
Kellene: Altra persona sovrappeso, il cui intento è assicurarsi una riserva di cibo per un eventuale collasso economico mondiale. Un clichè vivente. In più sta sviluppando un metodo di comunicazione simile al Morse, oltre che un dialetto filippino, per dialogare segretamente con il marito (complice, non vittima).
Per lo meno insegna autodifesa ad altre donne, che non è affatto male
Katy: Liberare, amante del giardinaggio e pronta a un terremoto. Sta realizzando un gigantesco orto in grado di produrre qualunque frutto o ortaggio che inscatola e conserva per il futuro.
Dennis: il suo ranch funziona come un'efficientissima fattoria in cui si fanno scorte di legna, acqua e cibo in conserva per una eventuale catastrofe. E' inoltre l'inventore di alcuni macchinari come l'essiccatore solare o lo spaccalegna automatico, realizzati per un mondo senza energia.

E tutti, tutti, pesantemente armati...



Recensione

Gli apocalittici è già stata rinnovata per una seconda serie, in trasmissione negli USA. Questo ci fa capire quante persone effettivamente si stanno preparando al peggiore degli eventi. E riescono a coinvolgere la propria famiglia in questi folli progetti.
Certo, è facile per un paese dove hanno chilometri quadrati di case, sotto le quali hanno rifugi anti-tornado altrettanto grandi e stracolmi di roba.
Dopo un paio di casi ho rivalutato una scena di The Road, quando i due protagonisti trovano il rifugio pieno di cibo. Pensavo fosse una scena gratuita, mentre invece queste persone dimostrano che sarebbe possibilissima. Soprattutto ripensando ad un altro reality come Pazzi per la spesa, dove le massaie accumulano tonnellate di generi alimentari a prezzi ridicoli.

Chissà se avranno ragione loro...

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...