Capitan Power e i combattenti del futuro (Captain Power and the Soldiers of the Future)

Capitan Power e i combattenti del futuro è un telefilm americano trasmesso negli anni ottanta dal circuito Odeon TV. Ambientata in un prossimo futuro post-apocalisse, la serie (chiaramente e fortemente ispirata dalle poche scene 'future' che si vedevano in Terminator di James Cameron), narra di un pugno di soldati impegnati a salvare l'umanità rimasta dal dominio delle macchine. FONTE: Wikipedia
Capitan Power è una di quelle serie che, a causa della sua breve durata di trasmissione (e per di più su una rete "minore"), è poco conosciuta nel nostro Paese. Tuttavia fu una delle serie più innovative dei suoi tempi: mescolava azione dal vivo a computer grafica in uno scenario oscuro e post-apocalittico fino ad allora esplorato solo dal grande cinema.
Per contro questi furono anche i motivi della sua fine prematura: i costi per la sua realizzazione erano alti e gli ascolti non erano all'altezza dell'investimento. Mentre negli Stati Uniti si riuscì a completare la seconda stagione, in Italia venne importata e doppiata solo la prima (ora praticamente introvabile anche sul circuito del P2P)


Ora però sembra si voglia riportare in auge con una serie remake. Dagli anni '80 i costi per la realizzazione di elementi in computer grafica sono precipitati (basti pensare all'evoluzione che hanno compiuto serie interamente in CGI come quelle dedicate ai Transformers, da Beast Wars a Prime), al punto che non è più nemmeno necessario allestire un set; basta un capannone, green screen e tutto il resto viene aggiunto in post-produzione.

Opinione
Capitan Power si colloca in quel genere post-apocalittico che inizia con la rivolta delle macchine sugli uomini, in questo caso guidati da un essere umano che cerca la perfezione del computer al di sopra delle debolezze umane.
Nonostante fosse destinata anche ai ragazzini che avrebbero acquistato gli action figure e i playset, i temi della serie e le vicende che venivano narrate erano piuttosto adulti.
Certo, rivista adesso fa piuttosto sorridere, ma quando uscì la ricordo come un telefilm molto cupo e sicuramente non privo di fascino.
L'unica cosa che mi era un po' indigesta era la scena dell'equipaggiamento dei personaggi che era più simile ad un fantasy come i Cavalieri dello Zodiaco che ad un sci-fi post-apocalittico. Con il senno di poi si potrebbe farla rientrare nella terza legge di Clark, ma per una resistenza a corto di risorse come dovrebbe essere quella che affronta un intero pianeta di automi, risulta un po' troppo esagerato.
Stesso si può dire degli effetti speciali: se con gli occhi di un ragazzino sembrassero perfettamente realistici, adesso sono clamorosamente evidenti e piuttosto rozzi.
Ciò nonostante rappresenta un tentativo pionieristico di affermare un genere che verrà poi reso celebre da film come la quadrilogia di Terminator e la triologia di Matrix.

Valutazioni

Fedeltà tematica: 5/5

Fedeltà visiva: 5/5

Valutazione generale: 4/5

Commenti